Parco della Mondialità

Il Parco della Mondialità, sito a Reggio Calabria nel quartiere di Gallico Superiore, si estende su una superficie di cinque ettari e rappresenta un luogo di indiscutibile fascino e di forte interesse spirituale e turistico.

Nasce dall'idea e dall'impegno del padre missionario Aurelio Cannizzaro che, nel 1970, volle ricreare in un unico luogo strutture cementizie che rappresentassero i luoghi di culto delle principali religioni e culture del mondo: da quella cristiana a quella ebraica, da quella africana a quella asiatica, da quella egiziana a quella greca.

Un luogo da esplorare e da vivere ideale per tutta la famiglia, grazie alle aree verdi, al parco giochi, ai laghetti, alle fontane e a tutte le incantevoli costruzioni presenti, quali l'anfiteatro greco, il presepe dei popoli, la Via Crucis con le scene evangeliche del Calvario, della Pentecoste e dell'Ascensione.

E poi ancora il tukul africano, la casa araba, la pagoda, la piramide, la menorah. 

Sono tanti monumenti, tutti ricreati in modo dettagliato per poter testimoniare lo scopo e la mission principale del parco, ovvero il desiderio di fratellanza umana e d'amore universale.

Nei diversi anni di attività si sono svolti al suo interno numerosi eventi culturali e artistici che continuano ad animare un luogo che merita d'essere preservato e riscoperto.

La Leonida Edizioni, di concerto con Art Academy e l'Analissalos, dal 2015 organizza ogni estate la Xenía Book Fair, ovvero la Fiera Nazionale del Libro all'Aperto (sull'Accoglienza) di Reggio Calabria, proponendo un ricco cartellone di eventi culturali e artistici che hanno come filo conduttore il concetto di ospitalità espresso nel mondo greco antico con la xenía.

P_20180702_195920
parco-mondialità
20130223_111628